Mebook! Social Network!
Log in

Intervista ad Alessia Calì, scrittrice

Alessia Calì

Nella nostra rubrica, oggi conosciamo la scrittrice Alessia Calì. 

Intervista a cura di Maurizio Caruso

interviste@mebook.itwww.mebook.it

Registrati gratis su Mebook

 

 

 

1) Ciao Alessia, come leggo nella tua biografia sei nata a Catania 27 anni fa, a che età e come sei diventata scrittrice?

Ciao MeBook, ho sempre avuto la tendenza di scrivere pensieri del momento che la quotidianità del vivere porta a formulare. Avevo un blog in cui raccoglievo pensieri, parti di libri che leggevo e che mi colpivano, articoli di giornali relativi alla crisi economica in Sicilia. Avevo raccolto le note relative alle vicende ed ai pensieri di Mariano Ferro del Movimento dei Forconi- Forza D’Urto, in modo da informare più persone possibili di quello che stava accadendo in Sicilia   in quelle settimane, in quei mesi perché gli eventi accaduti venivano messi in ombra e accennati in mal modo( da parte dei principali telegiornali italiani) che dirottavano l’utente e lo disinformavano. Questo per paura di una ribellione collettiva, di una rivoluzione nazionale. Sono diventata scrittrice a 26 anni, quando il mio diario online è diventato un libro.

2) Hai scritto il tuo primo libro con un titolo enigmatico “CILISIA”. E' il nome della protagonista della storia oppure si riferisce a qualcos'altro?

Il titolo è volutamente enigmatico, lascia il lettore sospeso perché non viene stabilito se “Cilisia” fa riferimento ad una donna,  ad una città o a qualcos’altro. Potrebbe essere il nome della protagonista della storia o riferirsi a qualcos’altro. Viene dato al lettore un compito al lettore ovvero scoprire se  il titolo possiede un significato oppure no, rendendo il lettore ancora più attivo nella fase di lettura.

3) “DONNE A META'” è invece il titolo di un altro libro.  Ce ne vuoi parlare?

“Donne a metà”,  presenta un’immagine di copertina di Laura Giansante, pittrice abruzzese di grande spirito che esprime al meglio le emozioni vissute dalla protagonista del racconto. Donne a metà per due motivi: a livello fisico, sono donne a metà perché non potranno mai provare l’emozione di diventare madre e a livello emotivo, morale l’anima di tali donne è continuamente umiliata. Viene elaborata una tematica specifica ovvero l’incompletezza unita alla sofferenza della donna.

4) Tra gli scrittori siciliani, è presente  uno in particolare che ti ha preso l'anima?

Si. Leonardo Sciascia, perchè mi ha sempre colpito il suo stile di scrittura. Stile secco e semplice.

5) Sulla tua pagina Facebook sono presenti  fotografie di chitarristi e cantanti. Si intuisce che ti piace la musica rock. Ascolti musica quando scrivi? Oppure preferisci il silenzio per una maggiore concentrazione?

Ascolto musica prima di iniziare a scrivere. Se devo trattare tematiche solari, vivaci ascolto sempre musica con testi che trasmettono sensazioni positive, se devo trattare tematiche tristi, scure ascolto musica più cupa, riesco a calarmi meglio nel personaggio che voglio descrivere. Quando ho scritto “Donne a metà” ho ascoltato musica di un determinato periodo storico, del 1942, musica austriaca e musica composta da musicisti vissuti in quel periodo. Scrivere è come entrare in una persona che non si conosce, prendere una parte della sua anima, farla propria  e riuscirne. Per una maggiore concentrazione però scrivo in silenzio e di notte.

6) Quanto il lavoro da svolgere per sbarcare il lunario può sottrarre tempo alla creatività di uno scrittore?

La creatività di uno scrittore, di un qualsiasi creativo non si misura in quantità di tempo. Chi scrive non guarda l’orologio al polso, ma la voglia che ha in un determinato momento di scrivere.

7) Molti ritengono che il futuro dell'editoria sarà l'e-book. Ti trovi d'accordo oppure pensi che il cartaceo possa ancora svolgere una funzione importante?

Il futuro dell’editoria è l’e-book per due motivi principali: è economico e non occupa spazio nella borsa. L’odore che emana un libro però appena stampato e la possibilità di poterlo sfogliare con le proprie mani, avendo un contatto fisico con esso, non possono essere sostituiti dall’e-book.  Penso che tra un paio d’anni, nel mondo dell’editoria accadrà ciò che è successo in ambito musicale ovvero il  ritorno al disco in vinile.

8) Stai pensando ad un nuovo romanzo?

Si, sto pensando ad un nuovo romanzo che tratta tematiche differenti da quelle trattate in “Cilisia” e “Donne a metà”.

9) Se qualcuno volesse leggere i tuoi libri verso quali canali lo dobbiamo indirizzare?

“Cilisia” si può acquistare, su prenotazione, nelle librerie la Feltrinelli di tutta Italia e sul sito lafeltrinelli.it o sul sito ilmiolibro.it . “Donne a metà” è possibile acquistarlo solo online sul sito il miolibro.it

10) In conclusione, come è stata fino ad ora l'esperienza con il nostro social network?

L’esperienza con MeBook è stata ottima.

Bene Alessia, ti ringraziamo per l’intervista e ti invitiamo a restare in contatto con Mebook.it per

altre interessanti novità.

Il profilo di Alessia Calì su Mebook: www.mebook.it/profile/alessiacali