Mebook! Social Network!
Accedi

Navigazione


NON MI RICORDO PIÙ DI TE

image

Non mi ricordo più di te
Forse è passato un secolo o di più
Quando scrivevi poesie
scarabocchiando muri e vie
con i tuoi passi giovani e scomodi…”
 
Sono i versi iniziali della canzone omonima scritta nel1996, dall'album “Una vita diversa”.
La storia di una scelta di vita non voluta ma imposta dalle circostanze, dopo essersi lasciati alle spalle gli anni della prima giovinezza in cui i sogni e le speranze erano ancora intatti e possibili.
 
Molte sono le reminiscenze con opere ben più famose e pregevoli: dall'immensa “Il sabato del villaggio” di Leopardi suggellata da un finale struggente e toccante:

Garzoncello scherzoso,
cotesta età fiorita 
è come un giorno d'allegrezza pieno
Giorno chiaro, sereno,
che precorre alla festa di tua vita…
 
… al “magnifico” Lorenzo de’Medici che recitava:

Quant'è bella giovinezza che si fugge tuttavia! 
Chi vuole esser lieto, sia, di doman non c’è certezza …”   
 
Scegliere la vita che si vuole è un grande privilegio che richiede forza e convinzione...

 

http://vittorianoborrelli.blogspot.it/2015/10/non-mi-ricordo-piu-di-te.html