Mebook! Social Network!
Accedi

Navigazione


Non chiamatemi maiale

Non chiamatemi maiale

Ultmo aggiornamento 75 giorni fa da Giuseppe Ciaravolo

Categorie: racconti, monologhi

Che soddisfazione alzarsi per prendere posto tra i fasti e le tragedie in questo patetico tirare avanti per far comparsa tra gli uguali con le lenzuola bagnate ancora adosso per la notte andata come è andata e raccontare i particolari di quel che non avvenne se non per capitolazione. e' da lungo tempo che la mia compagna zoppica da un lato l'altro cade a pezzi per la cessione del quinto dello stipendio fare l'amore è come vincere alla lotteria fanculo queste stramaledette carcasse in carriera che Giunone se le porti via! L'amplesso non segue l'opinione e nè suffraga le leggi di mercato, darla o averlo in prestito sono termini di modesta locuzione meglio lo scambiarsi per un lasso di tempo fingendo per un pò quell'emozione che è solo personale. non c'è scopo nello scopare come non è necessario che ci sia amore nel fare l'amore, tutto accade in virtù dei nostri sensi lessi si proprio lessi perchè li cuciniamo al lento fuoco della nostra disposizione, tra i malati in generale si distingue il vincente avida canaglia capace di imprese che solo lui può raccontare in quanto in parte non vere e il resto inventate, quanto mistero per cinque o sei colpetti sotto l'addome l'addove il sole non alberga a fare primavera e nemmeno l'uccello fa il nido una volta entrato fa subito ritorno , questo danazare forsennato ha del ridicolo per un piacere che non ha sempre ritorno. Colpa di una natura magera avida di sacrifici e poco incline allo sbarazzo. Vaffanculo tutte le premesse i vizi, l'alterigia , il buon costume e le eterne promesse, la vita inganna ogni giorno, inutile girare troppo intorno, abbiate la compiacenza di paragonarvi ai suini vedendovi da fuori nelle vostre posizioni da perfetti e allineati scoprirete che siete simili a costoro  come lo sono io che per natura sguazzano dove c' è lordume. non chiamatemi maiale che se a certe carinerie preferisco mettere un dito al culo e far sentire che ci sono, almeno quello lasciatemelo infilare.

 

g.c.