Mebook! Social Network!
Accedi

Senza Tregua

Senza tregua

Grembo materno che hai concepito
la grazia e la purezza di un angelo,
come ti immagini l'arduo sentiero?
Che speranze dai alla tua creatura?
Imbevuta dal tuo latte materno cresce,
E cresce e tende ad allontarnarsi...
E poi cammina e viaggia senza meta,
scorrendo della sua unica esistenza.
Ma è soggetta di un oggetto comune,
dai reali campi dei banchi di gioia
ad una sfida che sprigiona potere.
Potere di crescere e paura di vincere.
Ed oltrepassando l'orizzonte del sole,
si regala, dona gli anni più spesierati,
poi, la strada, il carisma avanzano...
Ed arriva agli ambiti traguardi fatali.
Ciò le darà così apoteosi di gloria?
Cosi sale, sale sui monti del tempo,
arriva in cima ed arriva...ma dove?
E' lì, sulle alture e cime più grandi.
Ed ora guarda la sua vita, le sue opere,
poi riflette sui suoi sogni e le emozioni,
sentite emozioni, chiuse nei pensieri,
a volte non comprese, così, senza tregua.

Commenti