Mebook! Social Network!
Accedi

Emiliano D'Alessandro

UN GIORNO COME IERI - Torna in libreria Emiliano D’Alessandro con un romanzo che riecheggia la tradizione più classica della narrativa italiana

(620 giorni fa)

descriviti:

Emiliano D'Alessandro, giornalista e scrittore (classe 1973) nato sotto le stelle di Febbraio.
Vive in Abruzzo, a metà tra il mare Adriatico e la maestosa Maiella.
Scrittore per necessità ascetica ha pubblicato come giornalista centinaia di articoli di denuncia, tra cui un’importante ricostruzione storica sulla strage di Cefalonia, dimostrando come i primi partigiani della storia italiana furono proprio quei dodicimila ragazzi che non si arresero, e quindi non cedettero le armi davanti ad un nemico sommamente sleale.
Il suo primo romanzo, “La collina dei fuochi fatui”, esce nel 2008 in tutte le librerie ottenendo importanti riconoscimenti; tra gli altri vanno segnalati i plausi del premio Nobel Dario Fo e il giornalista Gianni Minà, il riconoscimento della Presidenza della Repubblica Italiana per l’alto valore storico e narrativo dell’opera. La copertina è stata disegnata dal premio César Tanino Liberatore.
Collabora con riviste e quotidiani regionali e nazionali. E’ direttore responsabile per un bimestrale, caporedattore di un mensile, nonché direttore responsabile di un palinsesto televisivo regionale abruzzese. Per quest’ultimo ha ideato, scritto, sceneggiato e condotto, una trasmissione – “Libri nell’ombra” - che presenta in modo originale scrittori emergenti di tutta Italia e le loro relative opere letterarie.
Per l'Italia dei Diritti è responsabile per la regione Abruzzo e responsabile nazionale settore cultura; insegna Lingua e Cultura Italiana agli stranieri.
In una sorta di discontinua routine, condivide i suoi spazi con pile di libri distribuite alla rinfusa, foto di scrittori appese alla parete e cani rigorosamente meticci che sottrae alla strada.
Predilige la cinematografia neorealista, gli anni ’70, la letteratura italiana e quella del periodo “beat”, il jazz, le sue clark beige, il pianoforte che suona con gli amici musicisti e le stilografiche.
Ma nonostante tutto la sua massima rimane sempre la stessa: tutti i libri del mondo non valgono un caffè con un amico.

professione: Giornalista e scrittore
citazione preferita:

Non scrivo perché è bello ed intellettuale. Ma soprattutto non scrivo per i sani di mente e per chi sa sempre cosa dire. Scrivo per un posto migliore, per chi ha sempre dubbi, per il coraggio degli sconfitti e per chi si concede un giorno libero. Scrivo per la voce di chi canta, per chi è di scena, per una parte, per un singhiozzo, per chi non c'è, per un pennello, per uno sguardo e per il cuore di chi ascolta. Spesso scrivo per un profumo, per un filo d’erba, per vivere.

Emiliano D'Alessandro