Mebook! Social Network!
Log in

Cosa vorresti da un editore?


Scrivere un libro e farselo pubblicare è difficile. Lo sanno bene tutti gli scrittori al loro primo manoscritto. Si stima siano 1.400.000 i libri pubblicati ogni anno, ma almeno 10 volte in più quelli scartati: la competizione è altissima.
Cerchiamo di capire cosa cerca uno scrittore da un editore.

Il risultato finale sarà inviato a tutti gli editori presenti su Mebook! al fine di migliorare questo tipo di comunicazione, a volte non proprio bidirezionale.

Dai il tuo voto! Grazie!

image

 


Please login if you would like to vote in this poll.









Total number of votes: 15

Comments

  • Antonio Mastroianni 1780 days ago

    Certo, a tutti quelli che scrivono piacerebbe vedere la loro opera pubblicata. Ancora meglio, ricevere una proposta di contratto...

    Ma, il primo passo da augurarsi è che qualcuno legga ciò che scrive, che faccia una recensione approfondita, che indichi possibilmente la via per migliorarlo e, per ultimo, un contratto serio.

  • Agostino Cavestro 1765 days ago

    Sono molto deluso da tante case editrici che ti invitano a partecipare a dei concorsi e non ti dicono nemmeno che giudizio ho avuto sulle mie opere, ma calcano la parlantina per convincerti a comprare i loro libri, non intaressano le tue opere ma solo al denaro. Che dico ammareggiato ma schiffato di tutto ciò....

  • Andrea Grappolo 1757 days ago

    Da un editore mi aspetto fegato da ninja e intelligenza cristallina. E un discreto portafoglio, come corollario.

  • Mary Giardino 1747 days ago

    Editori svegliaaaaa qui ci sono tanti scrittori che cercano voi e vogliono pubblicare! :)

  • laura caputo 1736 days ago

    un editore diventa "il mio editore" a partire dal momento in cui firmiamo un contratto. Ciò che mi aspetto è soprattutto che faccia qualcosa per pubblicizzare ciò che pubblica. Pare incredibile che le presentazioni riposino totalmente sulle spalle degli Autori! Non un'indicazione, non un consiglio, non un supporto: pare che la funzione della CE si esaurisca nel mettere in circolazione (e la distribuzione? parliamone) un libro fresco di stampa...